Fondazione Cuori Bianconeri Onlus Una causa con stile

Seguici su Twitter per
avere nuove informazioni.
Seguici su Facebook per
avere nuove informazioni.
Seguici su Youtube per
avere nuove informazioni.

LE FERITE DI SIMONE PEPE

dI Mario Bruno

Queste foto le avrete viste su Facebook: toccanti. Rappresentano il grande dolore fisico ed esistenziale di un giocatore che ce l'ha messa tutta per restare con noi, per difendere il suo status di giocatore bianconero ad oltranza, nonostante tutto. Due anni e mezzo di sofferenza, di lesioni muscolari e di interventi chirurgicici, di dolore, speranze spappolate e di rivalse, intrise nel coraggio. Simone ha messo on line questo testo dedicato ai tifosi che gli sono stati vicino in questo difficilissimo e lungo periodo di più o meno totale inattività ma dedicata anche a tutti quelli che lo hanno screditato: "Dopo due anni e mezzo passati a pensare solo a curarmi e tornare il più presto possibile ad essere un calciatore mi sento di scrivere questo breve comunicato per dire la mia. Fino ad ora non mi sono mai soffermato sulle chiacchiere che si sono fatte intorno a me in merito alla mia assenza però ora voglio dire la mia e lo faccio mostrandovi in modo “crudo” le immagini di cio che è stato il mio infortunio. Troppe le voci false e cattive che mi sono arrivate all’orecchio in questi mesi e siccome io ho sempre creduto che prima del calciatore viene l’uomo ho sentito che il momento di rompere il mio silenzio è arrivato, anche per rispetto nei confronti della mia famiglia. Io lo so che la maggior parte dei tifosi è con me e l’ho capito anche oggi (domenica 8 novembre n.d.r.) quando ho ricevuto applausi e cori allo Stadium, ennesimo attestato di stima e affetto nei miei confronti, sentimenti sempre ricambiati dal sottoscritto. Concludo facendo pubblicamente i complimenti ai miei compagni per la prestazione di oggi, ancora una volta abbiamo dimostrato il nostro immenso valore. Adesso finalmente sto bene e sono felice di essere a disposizione del Mister". Noi lo pubblichiamo per la Fondazione Cuori Bianconeri non può non commuoversi di fronte a tanta virtà, a tanto carattere. Un caldo abbraccio, Simone.